La Val di Non è quell’armonico altipiano che è incorniciato dalle Dolomiti di Brenta e dalla catena delle Maddalene e Ronzone dall’ alto domina la vallata impreziosita dalle vaste praterie che si perdono all’orizzonte in un susseguirsi di colori, fino ai piedi delle montagne, alternandosi gradatamente a boschi e pinete invitanti.

L’attuale struttura di Ronzone è frutto della ricostruzione del villaggio a seguito dell’ incendio scoppiato nel 1891.

Oggi il paese è diviso tra la parte vecchia e la zona più moderna in alto. Al centro sorge la nuova  chiesa parrocchiale in stile romanico moderno, caratterizzata da un alto campanile con cuspide appuntita, ornato da trifore  e scorporato dall’edificio centrale secondo la tipica ispirazione anaune.

All’ interno risalta la Via Crucis di Carlo Bonacina, autore anche degli affreschi sul fondo dell’abside.

Poco distante si eleva la chiesa trecentesca dedicata a S.  Antonio da Padova, prezioso scrigno di opere d’ arte. Al suo fianco, ex voto del 1895, la cappelletta della Madonna di Lourdes e tra le due chiese un’altra cappella del  1868 che conserva un prezioso ed anatomicamente perfetto Cristo alla Colonna, opera lignea che risale al 1600.

Poco distante nella ex Casa Inama ora Centro Civico si trovano il Museo degli Usi e Costumi d’Anaunia, della Cartolina e del Collezionismi minore, della Scuola.

In paese e nei suoi dintorni si trovano numerose infrastrutture turistiche e sportive, felice e armonico connubio tra natura e relax, così come numerose  sono le passeggiate, facili escursioni nell’abbraccio della natura, tra pinete odorose di resine, per un tonificante pieno di ossigeno.